Categorie
Poesie

Siamo Sempre Soli

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Guardo l'orologio, è ora di andare a letto.
Spengo la TV, tolgo la coperta. Bevo un bicchier d'acqua.
Guardo la stanza vuota, spengo la luce.

Vado in bagno, piscio. Penso, gli occhi si chiudono.
Mi lavo i denti, mi ferisco, sputo sangue. Impreco.
Guardo il lavandino rosso e rifletto.

Mi spingo verso il letto. Sistemo il cuscino. 
Mi corico, copro il mio corpo e spengo la luce.
La stanza è vuota, il silenzio assordante.

Chiudo gli occhi, nella solitudine della Notte,
nessuno a darmi un bacio, e il pensiero del giorno che verrà.
Il sonno mi assale. Il buio mi circonda.

Il Silenzio è mio unico compagno. 
Chissà se mi sveglierò. Chissà se qualcuno pensa a me.
Quanta vita sto sprecando, così?

Siamo Sempre Soli
Categorie
Riflessioni

Viaggiare nel Bivio ovvero Le Scelte della Vita

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

BivioTutti cadiamo a terra, prima o poi. Il problema è quando e come ci rialziamo. Scelte. Un perenne bivio davanti ai nostri occhi. Il dolore di una caduta, spesso, non è legato al colpo che prendiamo, ma alla ragione che ci ha spinti a cadere. Ci rimproveriamo, ci arrabbiamo, cerchiamo disperatamente delle ragioni e speriamo di poter carpire qualcosa, eppure finiamo a terra e ci rialziamo. Punto. La realtà è semplice e immediata.

Ogni essere umano è costituito da una moltitudine di pensieri ed emozioni, riflessioni e azioni. Spesso agiamo d’impulso, altre volte riflettiamo troppo e il risultato è che siamo il frutto delle nostre azioni passate. Ogni esperienza ci insegnerà a capire le conseguenze di ciò che abbiamo fatto e vissuto e tranne alcuni casi, le scelte che facciamo ci conducono verso una strada difficilmente percorribile in senso inverso.

La domanda “e se mi fossi comportato…” oppure “e se avessi fatto…” ci martellano quotidianamente e col passare degli anni si accumulano. Quante cose, nella nostra vita, sono dipese da una specifica scelta, manovra, pensiero, movimento? La vita è come una grande impalcatura: ogni livello dipende dai precedenti.

La verità è che non possiamo saperlo. Nessuno può dirci che strada prendere, ad ogni bivio, così come nessuno può dirci cosa avremmo trovato se avessimo preso una direzione diversa. Dalla nascita alla morte, ogni azione ha la sua conseguenza (e reazione), ed essa è la base per la vita successiva.
Ma cosa accade quando ci rendiamo conto di aver preso la strada sbagliata?

Dipende. Ci sono situazioni dalle quali non si torna più indietro. Decidere di andare a 200 km/h e non riuscire a governare l’auto non permette di fermarsi e dire “no, ora rallento”. Se abbiamo perso il controllo, potrebbe essere troppo tardi. L’azione è stata avventata, la reazione potrebbe essere fatale.
Ci sono invece situazioni dalle quali si può uscire, tornare indietro. Spesso non senza conseguenze, ma meglio qualche piccolo disagio che una totale irreversibilità.

Il punto è questo: bisogna ponderare ogni singola scelta e guardare avanti, mai indietro. Ogni scelta fatta è una base posta, e tutto ciò che costruiremo sopra si baserà su questa decisione. Guardando avanti, ci sarà la possibilità di correggere il tiro. Guardando indietro, rischieremo solo di inciampare e farci molto, molto male.

Categorie
Riflessioni

Viaggiare nella Sofferenza

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

SofferenzaLa Sofferenza. Uno stato fisico, uno stato mentale. Uno stato fisico e mentale, oppure uno stato mentale che può trasformarsi in uno stato fisico.
A volte, la Sofferenza è legata a dei ricordi. Ricordare provoca sofferenza, oppure ricordare la sofferenza passata aiuta a guardare avanti in un modo più adatto, più consono. Soffrire vuol dire vivere una condizione negativa, di dolore (fisico o psicologico) e la natura umana spinge ad allontanarsi dal dolore. Ma allora, perché viaggiare nella sofferenza?

Spesso vogliamo soffrire. Creiamo appositamente dei pensieri, iniziamo a ricordare fatti o persone che causano un disagio psicologico. Perché lo facciamo? Masochismo? Forse. O forse vogliamo solo tornare in uno stato mentale e, in qualche maniera, cercare di comprenderne cause e conseguenze, adattarci, cercare di convivere con questa situazione di disagio, ovvero accettare la sofferenza per smettere di soffrire.

Ci sono situazioni, nella vita, che causano sensi di colpa, rimorsi, momenti di difficoltà. Vengono archiviate nei ricordi così come sono, a volte senza rielaborarle per nulla, quasi per non doverle affrontare. Non ancora. Il risultato è che i ricordi di certi fatti provocano questo forte senso di sofferenza e disagio. Affrontarli significa soffrire, ma allo stesso tempo finché non li abbiamo esorcizzati, proveremo sofferenza ogni volta che ci penseremo.

Viaggiare nella Sofferenza significa, dunque, cercare di accettarla oppure punirsi. In entrambi i casi, non possiamo esimerci e solo gli stolti riescono a non provare alcun tipo di fastidio quando viaggiano mentalmente in qualcosa di poco sereno.

Tutti soffriamo, prima o poi. E tutti accumuliamo ricordi che causano sofferenza, sia per ciò che abbiamo fatto che per ciò che non abbiamo fatto, oppure per qualcosa che è capitato e non è stato possibile evitare.

Viaggiare nella propria sofferenza significa istruirsi su sé stessi. Il problema è quando la sofferenza la si è causata ad altri, ma ne parleremo in un prossimo viaggio.

 

Categorie
Riflessioni

Il Viaggio della Vita

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Viaggio della VitaCi sono persone che, nella propria vita, non viaggeranno quasi mai. Altre che non staranno mai ferme. Altre che saranno nel mezzo. In tutti questi casi, ci sarà almeno un viaggio che verrà ricordato come “il viaggio della vita”.

Ci sarà sempre un elemento di distinzione tra i viaggi. Ognuno di essi, che siano di routine o speciali, che siano di andata, di ritorno, di sola andata (ben diversi dagli altri), porterà sempre un carico di esperienze e di ricordi che non sarà mai lo stesso degli altri. Il “viaggio della vita” è quel viaggio che ti cambia. Tornato da esso, non potrai più essere la stessa persona perché qualcosa di particolare, magari speciale, è accaduto nel suo svolgimento. Sensazioni o percezioni, a volte sarà difficile spiegare anche a sé stessi cosa sia effettivamente accaduto ma tutto, da quel momento in poi, sarà diverso. Ci sono persone che avranno un solo viaggio speciale. Altre che ne avranno più di uno, ma i veri viaggi della vita saranno pochissimi. A volte è impossibile identificarli immediatamente, ci sarà bisogno di tempo e di riflettere su di essi a mente fresca. Altre volte, invece, l’esperienza sarà stata così forte da essere immediatamente gestibile.

Cosa identifica un viaggio della vita? Ognuno avrà il suo specifico carattere distintivo. Per alcuni sarà un esperienza fatta in itinere, per altri qualche pensiero o riflessione che, nella normale vita quotidiana, rimaneva nascosto o sopito. Per altri ancora, la poesia dei ricordi e dei momenti. Soli o in compagnia, non ci sono molte differenze. Qualcosa scatterà, nel corso di quel viaggio, e farà la differenza. Una differenza che non svanirà mai, sia nei ricordi che nelle sensazioni. Perché spesso ricordiamo le sensazioni molto più chiaramente dei luoghi, delle persone o dei fatti circostanti.

Adesso farò qualcosa che non ho mai fatto prima e che non farò spesso. Parlerò direttamente di me. Che poi, a ben guardare, tutto questo blog non è altro che una lunga introspezione personale.

Ho viaggiato molto, nella mia vita. Ho vissuto realtà diverse, parlato lingue diverse, conosciuto persone diverse. Uomini e donne, bambini e anziani, eppure tutti hanno in comune qualcosa: la ricerca di uno scopo, di un obiettivo finale, di realizzare i propri sogni e le proprie speranze. In modi diversi, in mondi diversi, in tempi diversi ma tutti hanno sempre cercato di dare un senso alla propria vita. Un senso consono alle proprie aspettative, ed esse non sempre sono del tutto in linea con le ambizioni e le linee guida del luogo e del tempo in cui vivono o sono vissuti. Molti sono morti prima di vederle realizzate, altri sono morti nel tentativo di realizzarle, altri ancora le hanno sfiorate con un dito e le hanno perse. O hanno perso la propria vita non appena hanno ottenuto il loro principale scopo.

Mi sento dunque di dire che ci sarà un unico, solo, tangibile e vero viaggio della vita: la Vita stessa.

Categorie
Riflessioni

Viaggiare verso il giorno dopo

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Maureen Mcgovern – The Morning After

 There’s got to be a morning after
If we can hold on through the night
We have a chance to find the sunshine
Let’s keep on looking for the lightOh, can’t you see the morning after?
It’s waiting right outside the storm
Why don’t we cross the bridge together
And find a place that’s safe and warm?It’s not too late, we should be giving
Only with love can we climb
It’s not too late, not while we’re living
Let’s put our hands out in timeThere’s got to be a morning after
We’re moving closer to the shore
I know we’ll be there by tomorrow
And we’ll escape the darkness
We won’t be searching anymoreThere’s got to be a morning after
(There’s got to be a morning after)
There’s got to be a morning after
(There’s got to be a morning after)
There’s got to be a morning after
(There’s got to be a morning after)