Categorie
Riflessioni

Dire Basta

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

BastaSaggio è colui che sa quando dire basta. Chi dice basta dimostra coraggio. Il coraggio di affrontare la situazione.

Si può dire basta a qualcuno o a sé stessi.

Dirlo a qualcuno significa apertura, significa manifestare la propria posizione nel tentativo di recuperare l’armonia, risolvere la situazione, mostrare il proprio intento propositivo. Dirlo a qualcuno vuol dire provocare una reazione, tentare di instaurare un dialogo, creare un collegamento tra la nostra insoddisfazione e la possibilità di recupero, da parte dell’altra persona, della nostra fiducia. Pur sembrando un ossimoro, dire basta a qualcuno vuol dire dialogare.

Dire basta a se stessi vuol dire chiusura totale, mancanza di volontà di impegnarsi ai fini della risoluzione del problema. E, in questo caso, non c’è nulla che possa farci cambiare idea o opinione. Pur soffrendo, abbiamo raggiunto il limite. Abbiamo detto basta. Abbiamo chiuso le porte e rifiutato qualsiasi idea di recupero. Abbiamo dichiarato la nostra mancanza di volontà nel proseguire qualunque discorso o situazione preesistente.

Dire basta vuol dire pretendere spazio, che sia di apertura o chiusura. Spazio di manovra, spazio di riflessione, spazio di recupero della propria persona, delle proprie opinioni, dei propri diritti. Dire basta vuol dire voler mutare una situazione, vuol dire prendere in pugno la faccenda e scaraventarla via, nel tentativo di un cambiamento.

Chi dice “basta” è forte. Trascinare e tollerare è spesso segnale di debolezza più che di estrema pazienza. Chi trascina e tollera troppo a lungo viene spesso scambiato per buono, paziente, poco incline a manifestare le proprie opinioni. Fino allo scoppio. Perché chi dice “basta” si rispetta, ammettendo a sé stesso di aver tanto il bisogno di un cambiamento quanto l’energia per gestirlo. E non importa quante persone resteranno con l’amaro in bocca, quanta delusione lasceremo intorno, quanto rimorso o quante paure questo scaturirà: quando è ora, quando siamo pronti, quando ci sentiamo in forze, dobbiamo dire solo una parola: BASTA. 

Categorie
Riflessioni

Viaggiare nei Sensi

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

I Cinque SensiI sensi si legano ai ricordi. I ricordi si legano ai sensi. In maniera molto diversa, ma ciò accade per tutti.

Quando si vive una situazione, di qualunque genere, essa viene incamerata nei ricordi. Il nostro cervello, per sua natura, tende ad associare determinate sensazioni sulla base delle percezioni avute sul momento. Se, ad esempio, abbiamo avuto nausea mentre c’era nell’aria uno specifico odore, anche se esso non e’ stato causa del problema, continueremo ad avere un senso di ribrezzo ogni volta che torneremo a contatto con esso. Perché? Il cervello sembra avere una memoria sensoriale che associa le variabili in gioco legate ad uno specifico momento

L’odore dell’erba tagliata si associa alla primavera, all’estate o comunque ad una stagione calda. Alle corse nei prati, all’infanzia, alla libertà. Il rumore di una campanella scolastica ricorda la libertà, il sollievo, o la paura (per l’ora successiva). Il risultato finale è che ci sono dei ricordi sopiti, quasi dimenticati, che vengono risvegliati da una specifica immagine, uno specifico odore, una canzone…

Aprire un vecchio cassetto e ricordare qualcuno o qualcosa dal profumo che fuoriesce, accendere uno stereo e sentire una musica particolare. Di colpo il cervello, in una frazione di secondo (e per una frazione di secondo) si annebbia, inizia a viaggiare e vagare nei ricordi. Quando è stata l’ultima volta che ho sentito questo profumo? Ascoltato questa musica? Vissuto un’esperienza che, di colpo, mi torna in mente?

La vita è un viaggio, i ricordi sono i nostri bagagli. La saggezza sta nello scegliere quali possono essere sacrificati, quali sono necessari, quali positivi e quali negativi. I sensi ci aiutano ad orientarci nello spazio e in qualche maniera anche nel tempo. Il passato ha tracciato la nostra strada, il presente è un costante bivio e il futuro è, grazie alle scelte fatte nel presente, inevitabile conseguenza. Quindi usiamo i sensi per andare verso il futuro, fermandoci a pensare e ricordare quando, inevitabilmente, qualcosa ci farà tornare in mente una vita precedente.